Chi l’ha detto che c’è solo il cronometro a “spingere” le braccia e le gambe dei nuotatori? Se chiedete a Riccardo, Andrea, Lorenzo, Giulia, Elisa, Michelle e Carlotta vi diranno che c’è molto altro. No, non sono nomi a caso, sono gli atleti di Azzurra Race Team che a questo punto della stagione agonistica hanno il 100% di presenze agli allenamenti. Tradotto, significa che questi 7 ragazzi non saltano un allenamento dai primi di settembre. Che nonostante i compiti per la scuola, le giornate storte o la macchina del papà con le gomme a terra, non rinuncerebbero per nulla al mondo a quelle due ore d’acqua quotidiane.

Qui il cronometro c’entra poco. Il sorriso che questi splendidi ragazzi hanno prima e dopo l’allenamento, che copre anche una evidente fatica, è un sorriso che solo chi conosce il significato della parola passione può capire. Non serve una medaglia d’oro al collo, loro hanno già vinto. Perché con il loro contagioso entusiasmo riescono a trascinare anche i compagni, perché i miglioramenti cronometrici sono un premio alla loro costanza e dedizione ad uno sport che, forse come nessun altro, ti costringe a ritmi serratissimi fin da bambino e fin da piccolo ti costringe a confrontarti coi tuoi limiti.

Ma non esiste limite per chi mette la passione al primo posto come i “Magnifici 7”. E il loro impegno viene ripagato anche in altri ambiti, primo fra tutti quello scolastico, dove il rendimento premia sempre chi ha la capacità di organizzare le proprie giornate conciliando più impegni. E’ l’approccio culturale allo sport, e al nuoto in particolare, che Azzurra Race Team propone sin dalla sua fondazione. Una crescita degli atleti nel lungo periodo che permetta loro di vivere in modo sano e senza bruciare le tappe dello sviluppo biologico.

Fatica, passione, divertimento, impegno. Questi gli ingredienti che Lorenzo, Andrea, Riccardo, Michelle, Giulia, Elisa e Carlotta, come tantissimi dei loro compagni di squadra, portano nello zaino tutti i giorni. E che li stanno facendo somigliare sempre di più a dei veri atleti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *